Luisa Carotenuto

Attività: padroncina NCC
Residenza: Boscoreale (NA)

Quando hai capito che quello del trasporto sarebbe stato il tuo lavoro, il tuo mondo?

Cinque anni fa, per una serie di combinazioni favorevoli, ho potuto cogliere l’opportunità di fare il lavoro che ho sempre desiderato, in un modo alternativo al solito. Mi spiego: il mio sogno è da sempre quello di lavorare nel turismo come accompagnatrice, ma dalle nostre parti è molto difficile arrivare al compimento della carriera di guida turistica. Così, grazie all’apertura di un concorso che aspettavo da tempo, ho preso la licenza per driver NCC e oggi mi occupo di accompagnare le persone raccontando loro la storia del territorio che attraversiamo e mostrando le bellezze storiche. Concilio così due cose molto diverse tra loro ma in qualche modo convergenti. 

Perché hai deciso di partecipare al Sabo Rosa?

Ho visto su Facebook il post, mi ha incuriosito e ho deciso così di inviare la mia candidatura. Penso sia una cosa molto interessante per le donne che lavorano nel trasporto. 

Quali sono i lati positivi del tuo lavoro e quelli che vorresti cambiare?

La libertà di gestire il mio tempo e il mio spazio è sicuramente uno dei lati positivi più evidenti. Però la cosa più bella in assoluto è poter viaggiare e incontrare persone che vengono da tutto il mondo, con cui scambiare esperienze e idee. Adoro i lavori che permettono il contatto umano e quello che faccio è davvero il massimo. Non mi pesa trascorrere anche un’ora in più del pattuito con qualche cliente che, incuriosito, chiede informazioni. Amo molto la mia professione. Una passione che mi fa sorvolare sul fatto che, lavorando nella costiera amalfitana e salernitana, c’è spesso un gran traffico.