L’Unione Europea ha finalmente approvato, dopo più di due anni di negoziati, il cosiddetto Pacchetto Mobilità, con nuove regole per il settore dell’autotrasporto internazionale. 

Ecco una sintesi nuove regole inerenti il settore dell’autotrasporto:

  • Cabotaggio: per quanto riguarda le norme sulle operazioni di trasporto svolte in un mercato nazionale al di fuori del paese del trasportatore è confermato il limite di 3 operazioni  nell’arco di 7 giorni,  a seguito del quale il mezzo dovrà fermarsi per 4 giorni prima di poter rifare altre operazioni nello stesso paese. 
  • Tachigrafo intelligente: diventa obbligatorio il tachigrafo anche sui veicoli commerciali leggeri con massa complessiva da 2,5 a 3,5 tonnellate che svolgono autotrasporto internazionale. Il tachigrafo intelligente, che registra il luogo e l’ora in cui l’autocarro ha attraversato la frontiera e localizza le attività di carico e scarico, sarà già presente nei nuovi autocarri a partire dal 2023; i veicoli già in strada dovranno adattarsi entro il 2024.
  • Tempi di guida e di riposo: confermato il riposo regolare di 45 ore settimanali (nel caso sia lontano da casa verrà pagato dal datore di lavoro), riposo che sarà vietato farlo a bordo cabina. Gli autisti dovranno rientrare nel paese di residenza ogni quattro settimane, ovunque essi si trovino. I conducenti potranno tornare a casa ogni tre o quattro settimane, in funzione del loro orario di lavoro.
  • Società fittizie: viene rafforzato il collegamento tra la sede del trasportatore e le sue attività. Gli autocarri utilizzati nei trasporti internazionali dovranno tornare alla sede di attività dell’impresa almeno una volta ogni otto settimane. 

Per approfondimenti e testo completo della legge clicca qui